L’ente di gestione è una personalità autonoma come le associazioni: il veicolo risulterà intestato al condominio in persona dell’amministratore pro tempore.

Interessante chiarimento dell’ACI pubblicato lo scorso 11 maggio: il condominio può acquistare e quindi intestare a sé medesimo un’automobile, in quanto si tratta di un ente di gestione con una propria soggettività giuridica autonoma rispetto a quella dei condomini e dell’amministratore.

In tal caso sarà l’amministratore di condominio a doversi presentare agli sportelli del Pra per richiedere l’intestazione del veicolo al condominio medesimo. Secondo infatti la nota dell’Aci questa formalità è possibile stante il fatto che, nel caso di condominio, si tratta di un soggetto distinto e individuabile, così come – a detta della Cassazione – lo sono le associazioni.

Dunque, quanto ai dati dell’intestatario risultanti dal Pra, dovrà essere indicata la denominazione, l’ubicazione ed il codice fiscale del condominio. E il veicolo risulterà intestato direttamente al condominio, in persona dell’amministratore pro tempore “analogamente a quanto previsto per le associazioni e gli altri enti non riconosciuti”. Risultato: la responsabilità per i fatti derivanti dalla circolazione del mezzo nel traffico automobilistico ricadrà sullo stesso amministratore.

Sulla nota di richiesta nel campo “tipo di società” deve essere inserita la codifica generica “SOC” e la stessa codifica deve essere utilizzata in sede di acquisizione della formalità.

Tags: