Il Blog di Geco Group

Il caso delle delibere condominiali nulle e le conseguenze sui tempi di impugnazione

La nullità delle delibere assembleari rappresenta l’ipotesi più grave di causa d’invalidità rispetto alla quale non valgono le regole previste dall’art. 1137 c.c.
Che cosa accade se una delibera assembleare condominiale è invalida?
In che modo è possibile distinguere un vizio da un altro e come catalogarli?
La differenza di gravità tra le varie ipotesi di violazione di legge ha dei riflessi anche […] Leggi….

La nullità delle delibere assembleari rappresenta l’ipotesi più grave di causa d’invalidità rispetto alla quale non valgono le regole previste dall’art. 1137 c.c. Che cosa accade se una delibera assembleare condominiale è invalida? In che modo è possibile distinguere un vizio da un altro e come catalogarli? La differenza di gravità tra le varie ipotesi di violazione di legge ha dei riflessi anche […]

Leggi….

Escavazione nel sottosuolo: possibile solo con il consenso degli altri condomini

Ecco perchè il singolo condomino non può senza il consenso degli altri procedere ad escavazioni
Il singolo condomino non può, senza il consenso degli altri, procedere ad escavazioni in profondità del sottosuolo per ricavarne nuovi locali o ingrandire quelli preesistenti, comportando tale attività l’assoggettamento di un bene comune a vantaggio del singolo. È fatto salvo, ovviamente, il caso in cui il […] Leggi….

Ecco perchè il singolo condomino non può senza il consenso degli altri procedere ad escavazioni Il singolo condomino non può, senza il consenso degli altri, procedere ad escavazioni in profondità del sottosuolo per ricavarne nuovi locali o ingrandire quelli preesistenti, comportando tale attività l’assoggettamento di un bene comune a vantaggio del singolo. È fatto salvo, ovviamente, il caso in cui il […]

Leggi….

Beni condominiali, una proprietà collettiva?

Tesi a confronto, in assenza di una esatta definizione del legislatore
L’approfondimento è dedicato alle formalità richieste per l’apertura del codice fiscale condominiale. Non sempre le norme di carattere fiscale sono compatibili con quelle di natura civile e questa contrapposizione può essere causa di notevoli problemi.
Natura giuridica del condominio
Si continua a discutere della soggettività del condominio dal punto di vista del […] Leggi….

Tesi a confronto, in assenza di una esatta definizione del legislatore L’approfondimento è dedicato alle formalità richieste per l’apertura del codice fiscale condominiale. Non sempre le norme di carattere fiscale sono compatibili con quelle di natura civile e questa contrapposizione può essere causa di notevoli problemi. Natura giuridica del condominio Si continua a discutere della soggettività del condominio dal punto di vista del […]

Leggi….

La vita di condominio spesso non è facile

Quali azioni intraprendere se la casa per difetto degli scarichi è sottoposta ad effluvi maleodoranti. La normativa
La vita di condominio spesso non è facile. Oltre al problema dei rumori ci si può infatti imbattere nel dramma del cattivo odore. Se il proprietario di una mansarda avverte per esempio che dal tetto passano maleodoranti effluvi provenienti dai tubi di scarico fognari, […] Leggi….

Quali azioni intraprendere se la casa per difetto degli scarichi è sottoposta ad effluvi maleodoranti. La normativa La vita di condominio spesso non è facile. Oltre al problema dei rumori ci si può infatti imbattere nel dramma del cattivo odore. Se il proprietario di una mansarda avverte per esempio che dal tetto passano maleodoranti effluvi provenienti dai tubi di scarico fognari, […]

Leggi….

Condominio: a che ora non si può fare rumore?

Esiste una legge che stabilisce a partire da quale orario della giornata non si può più fare rumore dentro la casa in condominio?   Non esiste una norma di legge che individui orari prestabiliti entro cui va rispettato il riposo delle persone; salvo che il regolamento di condominio non disponga diversamente – stabilendo precise pause orarie entro le quali si considerano […] Leggi….

Esiste una legge che stabilisce a partire da quale orario della giornata non si può più fare rumore dentro la casa in condominio?   Non esiste una norma di legge che individui orari prestabiliti entro cui va rispettato il riposo delle persone; salvo che il regolamento di condominio non disponga diversamente – stabilendo precise pause orarie entro le quali si considerano […]

Leggi….

Requisiti per la richiesta di emissione di un decreto ingiuntivo

Il decreto ingiuntivo è quell’atto giudiziario con la quale s’intima al debitore di pagare una determinata somma di denaro entro un determinato termine, pena l’esecuzione coattiva per la soddisfazione delle ragioni del creditore.
Quello che porta all’emissione del decreto ingiuntivo (vedi Libro IV Titolo I Capo I del codice di procedura civile) è un procedimento sommario detto anche procedimento inaudita altera […] Leggi….

Il decreto ingiuntivo è quell’atto giudiziario con la quale s’intima al debitore di pagare una determinata somma di denaro entro un determinato termine, pena l’esecuzione coattiva per la soddisfazione delle ragioni del creditore. Quello che porta all’emissione del decreto ingiuntivo (vedi Libro IV Titolo I Capo I del codice di procedura civile) è un procedimento sommario detto anche procedimento inaudita altera […]

Leggi….

Fessurazioni, cavillature e distacco di pavimenti

Fessurazioni di facciata
Il ritiro delle malte, l’eterogeneità dei materiali e la flessione dei solai (legata alle dinamiche della struttura), sono le cause principali di fessurazione nei muri soprattutto di facciata (difatti le fessure orizzontali sono spesso ubicate negli spigoli delle facciate). Le fessurazioni dunque interessano la facciata in sé e le superfici verticali intonacate o rifinite con pitture e rivestimenti […] Leggi….

Fessurazioni di facciata Il ritiro delle malte, l’eterogeneità dei materiali e la flessione dei solai (legata alle dinamiche della struttura), sono le cause principali di fessurazione nei muri soprattutto di facciata (difatti le fessure orizzontali sono spesso ubicate negli spigoli delle facciate). Le fessurazioni dunque interessano la facciata in sé e le superfici verticali intonacate o rifinite con pitture e rivestimenti […]

Leggi….

Si stacca l’intonaco? Il proprietario risarcisce e va in galera

Anche la caduta di parti dell’intonaco costituiscono la “rovina” prevista dal reato di ci all’art. 677 del codice penale. Se il solaio è pericolante deve essere sempre il proprietario ad occuparsene perché non può ignorare lo stato dei suoi immobili.
Il proprietario è sempre responsabile per la rovina dell’edificio pericolante.
Condannato il proprietario di un immobile pericolante, anche se aveva affidato la […] Leggi….

Anche la caduta di parti dell’intonaco costituiscono la “rovina” prevista dal reato di ci all’art. 677 del codice penale. Se il solaio è pericolante deve essere sempre il proprietario ad occuparsene perché non può ignorare lo stato dei suoi immobili. Il proprietario è sempre responsabile per la rovina dell’edificio pericolante. Condannato il proprietario di un immobile pericolante, anche se aveva affidato la […]

Leggi….

La costituzione del condominio. Gli aspetti proprietari e quelli relativi alla formalizzazione dell’ente di gestione

Molto spesso, nel gergo comune, si sente dire che un determinato condominio non è mai stato formalmente costituito. Se si analizza quest’affermazione da un punto di vista strettamente giuridico non può non concludersi che essa e sostanzialmente errata. Ciò per due ordini di motivi: in primo luogo il condominio, a differenza di un’associazione, di una società o di ogni altra […] Leggi….

Molto spesso, nel gergo comune, si sente dire che un determinato condominio non è mai stato formalmente costituito. Se si analizza quest’affermazione da un punto di vista strettamente giuridico non può non concludersi che essa e sostanzialmente errata. Ciò per due ordini di motivi: in primo luogo il condominio, a differenza di un’associazione, di una società o di ogni altra […]

Leggi….

Come si costituisce un “condominio comune”?

Per la costituzione del condominio non assume rilievo il numero dei condomini, che il Codice civile prende in considerazione solo per determinare i casi in cui è obbligatorio dotarsi di un regolamento o nominare un amministratore.
Dunque, è ben possibile configurare una situazione di condominio in presenza di due soli partecipanti (c.d. condominio minimo), fattispecie pacificamente riconosciuta in dottrina e giurisprudenza. […] Leggi….

Per la costituzione del condominio non assume rilievo il numero dei condomini, che il Codice civile prende in considerazione solo per determinare i casi in cui è obbligatorio dotarsi di un regolamento o nominare un amministratore. Dunque, è ben possibile configurare una situazione di condominio in presenza di due soli partecipanti (c.d. condominio minimo), fattispecie pacificamente riconosciuta in dottrina e giurisprudenza. […]

Leggi….